L'area dell'integrazione, inclusione, intercultura, prevenzione e dispersione

Con riferimento alla C. M.  del 6 marzo 2013, il Bisogno Educativo Speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo e/o apprenditivo che consiste in un funzionamento problematico anche per il soggetto, in termini di danno, ostacolo o stigma sociale, indipendentemente dall’eziologia e che necessita di educazione speciale individualizzata.

Questo triennio, così come i precedenti anni, rappresenta per la S.S.P.G. “Castiglione”, un impegno concreto per mettere in atto tutte le buone prassi in tema d’inclusione, un motivo per individuare strategie condivise e strutturare piani di intervento mirati agli alunni/e con Bisogni Educativi Speciali B.E.S., così come indicato all’interno della normativa vigente in tema di inclusione.

La nostra istituzione scolastica ha istituito un Gruppo operativo per l’inclusione degli alunni con bisogni Educativi Speciali già al momento della diffusione della C. M.  del 6 marzo 2013. Questo ha permesso di mettere in atto un Piano di Inclusione già a partire dall’anno scolastico 2013-2014 e soprattutto di verificarne l’efficacia.

Sulla base delle certificazioni dell’ASP e delle competenze pedagogiche proprie dei Consigli di Classe, il Gruppo operativo per l’inclusione ha individuato gli alunni che nella nostra scuola presentano Bisogni Educativi Speciali:

1.    alunni diversamente abili con certificazione L. 104/92 che presentano difficoltà cognitive correlate a deficit funzionali e che evidenziano soprattutto carenze gravi nelle abilità della comunicazione verbale e nelle abilità relazionali,

2.    alunni con DSA con disturbi correlati soprattutto all’ambito delle abilità di lettura, scrittura e calcolo,

3.    alunni con disturbi non specifici nei quali il funzionamento intellettivo è al limite con la disabilità ed evidenzia carenze gravi nelle abilità logico-matematiche e di ragionamento,

4.    alunni in convalescenza da malattia, che non riescono a frequentare con regolarità la scuola,

5.    ragazzi in  situazione di grave ritardo scolastico, alcuni dei quali presentano fattori di oggettiva deprivazione socioculturale,

6.    alunni stranieri con ambiente familiare non italofono, i cui genitori possiedono nella lingua italiana competenze limitate che non garantiscono un sostegno adeguato al processo di acquisizione delle abilità di scrittura e di lettura e che  alimentano un sentimento di insicurezza linguistica,

7.    alunni di probabile origine rom,  provenienti dall’Est Europa, anche da paesi membri dell’Unione Europea, i quali presentano una resistenza psicologica all’insegnamento impartito dall’insegnante in classe per consuetudini culturali e linguistiche  diverse dalle nostre,

8.    alunni figli di coppie miste, nei quali il bilinguismo non  sempre si è rivelato

un’ occasione di arricchimento culturale e cognitivo.

Considerata la complessità delle situazioni individuali degli alunni è stato elaborato il Piano Annuale per l’Inclusione che rappresenta un documento dalle molteplici funzioni:

·         è parte integrante dell’offerta formativa;

·         definisce gli interventi realizzati dall’Istituto a favore degli alunni con Bisogni Educativi Speciali (B.E.S.)

·         mostra l’insieme dei processi attivati ed attivabili.

Il Piano Annuale per l’inclusione è il risultato del lavoro del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l’Inclusione) e del gruppo GLH  (Gruppo di lavoro Handicap) che hanno condiviso le buone pratiche e approfondito le normative giungendo alla predisposizione del testo, sottoposto al dibattito ed alla approvazione del collegio docenti. Nel documento viene illustrato il quadro generale della ripartizione degli alunni con B.E.S. dell’Istituto, vengono esaminati i potenziali punti di criticità e di forza relativamente alle risorse umane, professionali specifiche e funzionali a favore di tali alunni. Vengono, inoltre, coinvolte in tale processo, il corpo docente, tutto il personale della scuola, le famiglie, i servizi sociosanitari del territorio, le istituzioni e gli Enti locali.

All’interno del documento sono stati inseriti i seguenti laboratori:

Progettodi autonomia sociale;

Progetto Natale: realizzazione di biglietti augurali e addobbi Natalizi;

Progetto manipolativo-creativo;

Progetto scientifico: realizzazione e applicazione di un circuito elettrico;

Progetto: Aiuole in fiore

Progetto motorio: Mettiamoci in gioco

Progetto informatica

Comodato d’Uso

Il progetto si inserisce nelle attività previste dal Piano di Inclusione di questa Istituzione scolastica e risponde alla necessità di contrastare l’esclusione e contenere la diseguaglianza nelle opportunità

 P.A.I. 2019/2020

 

 

 
 

logo.jpg

   Indice